Connect with us

Health&Pharma

Successi delle startup nei Studi Clinici per le Biotecnologie

Published

on

Le iniziative emergenti, dette “startup”, riguardanti la tecnologia medica stanno raggiungendo posizioni di prestigio nel settore. Alcune startup sono entrate negli studi clinici superando la fase della sperimentazione.

Questi progetti innovativi vengono pubblicati periodicamente sulla rivista leader nel settore “Nature Medicine” che si concentra sui risultati positivi e promettenti. Troviamo una citazione su Noema Pharma, una biotecnologia in fase clinica specializzata in disturbi neuroscientifici debilitanti che ha iniziato uno studio per valutare la sicurezza e l’efficacia di NOE-115, un modulatore di monoammine ad ampio spettro, nelle donne con sintomi vasomotori (VMS, o “vampate di calore”) e altri sintomi legati alla menopausa, come aumento di peso, sonnolenza diurna e difficoltà cognitive. Lo studio coinvolgerà inizialmente 30 donne con VMS moderati o gravi in 6 centri negli Stati Uniti.

Ilise Lombardo, CEO di Noema, ha sottolineato che questo studio rappresenta il quinto programma di Fase 2 dell’azienda. Lombardo ha evidenziato la necessità di nuove opzioni terapeutiche per le oltre 2 milioni di donne che entrano in menopausa ogni anno negli Stati Uniti, per affrontare una vasta gamma di sintomi e migliorare la loro qualità di vita.

Nature Medicine ha pubblicato i risultati fondamentali dello studio ONWARD

ONWARD Medical sta sviluppando terapie innovative di stimolazione del midollo spinale per ripristinare movimento, funzione e indipendenza nelle persone con lesioni del midollo spinale e disturbi del movimento. L’azienda ha annunciato che i risultati del suo studio cardine Up-LIFT sono stati pubblicati su Nature Medicine. Lo studio, condotto fino al 2022, ha valutato la sicurezza e l’efficacia della terapia ARC-EX® per migliorare la mobilità degli arti superiori nelle persone con quadriplegia cronica incompleta. Ha coinvolto 65 partecipanti in 14 centri principali negli Stati Uniti, Europa e Canada.

I risultati hanno mostrato che la terapia ARC-EX è sicura ed efficace: il 90% dei partecipanti ha migliorato la forza o la funzione degli arti superiori, l’87% ha riferito un miglioramento della qualità della vita e i miglioramenti sono stati rilevati fino a 34 anni dopo l’infortunio. I partecipanti hanno anche riportato una riduzione degli spasmi, miglioramento del sonno e maggiore sensibilità nella parte superiore del corpo.

Marco Baptista, direttore scientifico della Christopher & Dana Reeve Foundation, ha definito questi risultati un punto di svolta nel campo della scienza delle lesioni del midollo spinale e della paralisi, suggerendo che il recupero funzionale è ora possibile.

ONWARD Medical ha presentato domanda alla FDA per l’autorizzazione del sistema ARC-EX negli Stati Uniti, con l’obiettivo di renderlo disponibile entro la fine dell’anno e in Europa entro metà 2025.

Il successo di MoonLake per il trattamento di malattie infiammatorie

MoonLake, azienda biotecnologica in fase clinica che sviluppa terapie per malattie infiammatorie, ha annunciato l’arruolamento dei primi pazienti negli Stati Uniti per il suo programma clinico globale di Fase 3 VELA. Questo programma valuta sonelokimab, un Nanobody® per il trattamento dell’idrosadenite suppurativa (HS) da moderata a grave, una malattia cronica della pelle che colpisce fino al 4,1% della popolazione mondiale.

L’avvio del programma di Fase 3 segue i risultati positivi della Fase 2 e il sostegno delle autorità regolatorie, tra cui la FDA statunitense e l’EMA europea. Kristian Reich, fondatore e CSO di MoonLake, ha sottolineato l’importanza di questo passo avanti, menzionando che lo studio utilizza HiSCR75 come endpoint primario e prevede di arruolare 800 pazienti, con i risultati primari attesi per metà 2025.

La startup Longevity Timeline, specializzata in soluzioni per un invecchiamento sano e la longevità, ha recentemente raggiunto un traguardo significativo con il completamento della sperimentazione clinica sull’invecchiamento immunitario, chiamata MitoImmune. Utilizzando Mitopure, una forma brevettata di urolitina A, Longevity Timeline ha dimostrato che questo nutriente postbiotico può innescare la mitofagia, un processo cruciale di riciclaggio cellulare, contribuendo a contrastare il declino cellulare legato all’età. Mitopure può essere applicato sotto forma di softgel, creme per la pelle o polveri.

MitoImmune: uno studio di successo per le biotecnologie

Lo studio MitoImmune, condotto in collaborazione con il Georg Speyer House Institute for Tumor and Experimental Therapy e il Buck Institute of Aging in California, ha coinvolto cinquanta adulti di mezza età in un intervento di quattro settimane con Mitopure. I risultati hanno mostrato un aumento significativo delle cellule T giovani naïve e un miglioramento dell’attività mitocondriale rispetto al placebo. Sono stati inoltre raggiunti altri importanti endpoint secondari, come la riduzione della risposta infiammatoria.

Inoltre, Timeline ha avviato due nuovi studi clinici in collaborazione con il National Institute of Aging e il National Institute of Cancer per esplorare ulteriormente le applicazioni di Mitopure per un invecchiamento sano.

Grazie ai risultati promettenti di MitoImmune e alle nuove collaborazioni con istituzioni prestigiose, Longevity Timeline si sta posizionando come un leader nel campo della salute e della longevità. Il successo delle loro iniziative potrebbe portare a innovazioni rivoluzionarie nel miglioramento della qualità della vita durante l’invecchiamento, offrendo nuove speranze per un futuro più sano e vitale.

Continue Reading

Copyright © 2023 Justmedia srl