Connect with us

AI

Mappare la Prontezza Mondiale per l’Intelligenza Artificiale: Divergenze e Prospettive

Published

on

L’intelligenza artificiale può aumentare la produttività, stimolare la crescita economica e aumentare i redditi. Tuttavia, potrebbe anche eliminare milioni di posti di lavoro e aumentare le disuguaglianze. La nostra ricerca ha già dimostrato come l’AI sia pronta a rimodellare l’economia globale. Potrebbe mettere a rischio il 33% dei posti di lavoro nelle economie avanzate, il 24% nelle economie emergenti e il 18% nei paesi a basso reddito. Ma, dal lato positivo, offre un enorme potenziale per migliorare la produttività dei lavori esistenti, per i quali l’AI può essere uno strumento complementare, e per creare nuovi lavori e persino nuove industrie.

La maggior parte delle economie dei mercati emergenti e dei paesi a basso reddito ha una quota inferiore di lavori ad alta qualificazione rispetto alle economie avanzate e, pertanto, sarà probabilmente meno colpita e affronterà meno interruzioni immediate dall’AI. Allo stesso tempo, molti di questi paesi mancano dell’infrastruttura o delle competenze necessarie per sfruttare i benefici dell’AI, il che potrebbe peggiorare le disuguaglianze tra le nazioni.

Come mostra il grafico della settimana, le economie più ricche tendono ad essere meglio attrezzate per l’adozione dell’AI rispetto ai paesi a basso reddito. I dati provengono dal nuovo AI Preparedness Index Dashboard del FMI per 174 economie, basato sulla loro prontezza in quattro aree: infrastruttura digitale, capitale umano e politiche del mercato del lavoro, innovazione e integrazione economica, e regolamentazione.

Misurare la prontezza è una sfida, in parte perché i requisiti istituzionali per l’integrazione dell’AI a livello economico sono ancora incerti. Come mostra il dashboard, diversi paesi si trovano a stadi diversi di prontezza nell’ottimizzare i potenziali benefici dell’AI e nel gestirne i rischi. In la maggior parte degli scenari, l’AI probabilmente peggiorerà le disuguaglianze complessive, una tendenza preoccupante che i politici possono lavorare per prevenire. A tal fine, il dashboard è una risposta al significativo interesse dei nostri stakeholder nell’accedere all’indice. È una risorsa per politici, ricercatori e il pubblico per valutare meglio la prontezza all’AI e, soprattutto, per identificare le azioni e progettare le politiche necessarie per garantire che i rapidi progressi dell’AI possano beneficiare tutti.

L’AI può anche completare le competenze dei lavoratori, migliorando la produttività e ampliando le opportunità. Nelle economie avanzate, ad esempio, circa il 30% dei lavori potrebbe beneficiare dell’integrazione dell’AI. I lavoratori che possono sfruttare la tecnologia possono vedere aumenti salariali o maggiore produttività, mentre quelli che non possono potrebbero rimanere indietro. I lavoratori più giovani potrebbero trovare più facile sfruttare le opportunità, mentre i lavoratori più anziani potrebbero avere difficoltà ad adattarsi.

Per i politici, quelli nelle economie avanzate dovrebbero espandere le reti di sicurezza sociale, investire nella formazione dei lavoratori e dare priorità all’innovazione e all’integrazione dell’AI. Coordinandosi a livello globale, questi paesi dovrebbero anche rafforzare la regolamentazione per proteggere le persone dai potenziali rischi e abusi e costruire fiducia nell’AI. La priorità politica per le economie emergenti e in via di sviluppo dovrebbe essere quella di gettare una solida base investendo nell’infrastruttura digitale e nella formazione digitale per i lavoratori.

Copyright © 2023 Justmedia srl