Connect with us

AI

Imran Khan ha fatto campagna elettorale e ha vinto con l’intelligenza artificiale

Published

on

Di Chatham House - Imran Khan, CC BY 2.0

Imran Khan, l’ex primo ministro del Pakistan, ha trascorso la durata della campagna elettorale del paese in prigione, squalificato dalla corsa in quella che gli esperti hanno descritto come una delle elezioni generali meno credibili nella storia dei 76 anni del paese.

Ma da dietro le sbarre, ha mobilitato i suoi sostenitori nei mesi recenti con discorsi che utilizzano l’intelligenza artificiale per replicare la sua voce, parte di una strategia tecnologicamente avanzata che il suo partito ha messo in atto per eludere una repressione da parte dell’esercito.

E sabato, mentre i conteggi ufficiali mostravano candidati allineati al suo partito, il Pakistan Tehreek-e-Insaf, o P.T.I., vincere la maggior parte dei seggi in un risultato sorprendente che ha gettato il sistema politico del paese nel caos, è stata la voce A.I. di Khan a dichiarare la vittoria.

“Ho avuto piena fiducia che tutti voi sareste venuti a votare. Avete soddisfatto la mia fiducia in voi e la vostra massiccia affluenza ha stupito tutti,” ha detto la voce pacata e leggermente robotica nel video di un minuto, che utilizzava immagini storiche e filmati di Khan e portava una dichiarazione sulla sua origine A.I. Il discorso ha respinto la pretesa di vittoria del rivale di Khan, Nawaz Sharif, e ha esortato i sostenitori a difendere la vittoria.

Mentre crescono le preoccupazioni sull’uso dell’intelligenza artificiale e sul suo potere di ingannare, in particolare nelle elezioni, i video di Khan offrono un esempio di come l’A.I. possa essere utilizzata per aggirare la repressione politica. Ma, dicono gli esperti, aumentano anche le paure riguardo ai suoi potenziali pericoli.

Possiamo anche dire che ha funzionato con i candidati sostenuti da Khan che hanno vinto lo scontro politico.

Continue Reading

Copyright © 2023 Justmedia srl