Connect with us

AI

Il Capo della Ricerca di Google Affronta gli Errori nei Prodotti AI e Sottolinea la Necessità di Prendersi dei Rischi

Published

on

Liz Reid, il nuovo capo della ricerca di Google, ha dichiarato durante una riunione aziendale che gli errori sono inevitabili con l’integrazione dell’intelligenza artificiale nella ricerca su Internet, ma che l’azienda deve continuare a lanciare nuovi prodotti e lasciar che siano i dipendenti e gli utenti a individuare i problemi. “È importante non trattenere le funzionalità solo perché potrebbero esserci problemi occasionali, ma affrontarli man mano che li troviamo,” ha detto Reid durante l’incontro aziendale, secondo un audio ottenuto da CNBC.

Un Momento Critico per Google

I commenti di Reid arrivano in un momento critico per Google, che sta cercando di tenere il passo con OpenAI e Microsoft nell’AI generativa. Il mercato per chatbot e strumenti AI correlati è esploso da quando OpenAI ha introdotto ChatGPT alla fine del 2022, offrendo ai consumatori un nuovo modo di cercare informazioni online al di fuori della ricerca tradizionale.

La fretta di Google nel lanciare nuovi prodotti e funzionalità ha portato a una serie di imbarazzi. Il mese scorso, l’azienda ha rilasciato AI Overview, che il CEO Sundar Pichai ha definito il cambiamento più grande nella ricerca degli ultimi 25 anni, a un pubblico limitato, permettendo agli utenti di vedere un riepilogo delle risposte alle query in cima ai risultati di ricerca di Google. Sebbene Google lavorasse su AI Overview da oltre un anno, gli utenti hanno rapidamente notato che le query restituivano risposte senza senso o inaccurate, e non avevano modo di disattivare la funzionalità. Risultati ampiamente diffusi includevano l’affermazione falsa che Barack Obama fosse il primo presidente musulmano degli Stati Uniti, un suggerimento di mettere colla sulla pizza e una raccomandazione di mangiare almeno un sasso al giorno.

Affrontare gli Errori

Google ha dovuto correre ai ripari per correggere gli errori. Reid, una veterana di 21 anni dell’azienda, ha pubblicato un post sul blog il 30 maggio, deridendo i contenuti “troll-y” pubblicati da alcuni utenti, ma ammettendo che l’azienda ha apportato oltre una dozzina di miglioramenti tecnici, tra cui limitare i contenuti generati dagli utenti e i consigli sulla salute.

Reid ha sottolineato l’importanza di accettare i rischi e di rispondere rapidamente ai problemi. Ha anche menzionato che alcuni utenti hanno creato modelli su come ottenere coinvolgimento sociale creando falsi AI Overviews, un problema aggiuntivo su cui l’azienda sta riflettendo. Reid ha inoltre ringraziato i dipendenti di vari team che hanno lavorato sulle correzioni e ha enfatizzato l’importanza del feedback dei dipendenti, indirizzando il personale a un link interno per segnalare i bug.

L’Importanza del “Red Teaming”

Reid ha affermato che, nonostante i numerosi test e il “red teaming” (ovvero sforzi per trovare vulnerabilità nella tecnologia prima che vengano scoperte da esterni), ci sarà sempre bisogno di fare di più. Lanciando prodotti AI dal vivo, Google è in grado di trovare problemi come i “vuoti di dati”, rilevare satira e correggere errori di ortografia. “Non dobbiamo solo comprendere la qualità del sito o della pagina, dobbiamo comprendere ogni passaggio di una pagina,” ha detto Reid.

In conclusione, Google continua a spingere i confini dell’innovazione AI, accettando che gli errori siano parte del processo e lavorando attivamente per risolverli e migliorare continuamente i propri prodotti.

Copyright © 2023 Justmedia srl